PUNAKAIKI – MOTUEKA 19 Febbraio

Visitiamo le Pancakes Rocks con i loro Blow Holes. Nel corso dei secoli, attraverso un processo causato dall’azione degli agenti atmosferici, le rocce calcaree si sono disposte in modo tale da sembrare una pila di sottili frittelle. Si sono formate anche delle grotte a cielo aperto per cui le onde penetrano in queste cavità si scontrano con la roccia e creano degli sbuffi che sembrano dei geyser. Purtroppo l’effetto massimo si vede con l’alta marea che però quel giorno era verso le 15:30 e noi non potevamo aspettare.

Questo visita tra l’altro gratuita, ci stupisce, per come hanno strutturato e curato tutto il tragitto. Una passerella si snoda attraverso la foresta e ogni tanto si affaccia sul panorama delle rocce e degli sbuffi delle onde. Non si sa dove dirigere lo sguardo. La schiuma è tanta che svolazza intorno e sale fino a dove siamo noi. E’ veramente da mozzare il fiato.

 

Proseguiamo verso Westport  solo per fare benzina perché poi pare che non ne troveremo fino a Nelson. Il tempo migliora e vediamo il sole.

Lasciamo la West Coast e ci dirigiamo verso Motueka, finalmente al mare. Inizia una vegetazione diversa più simile alla nostra. No più palme e felci, ma pini, abeti, cipressi. Le pecore che convivevano con la natura caraibica sulla East Coast, ora vengono superate dalle mucche e anche da alcuni allevamenti di daini.

 

Ci fermiamo qualche chilometro prima di Murchison per pranzare. Siamo in un area picnic nella Buller Gorge. Sembra di essere in Svizzera. Da qui andiamo direttamente al “swinging bridge” ponte sospeso (e traballante)  a 160 mt sul livello dell’acqua che attraversiamo per poi tornare indietro sospesi ad  una fune in picchiata. Divertentissimo.

 

Scegliamo di risalire la Motueka HWY perché è più dritta e ci dovremmo mettere meno tempo. Attaversiamo una bella regione piena di coltivazioni di mele,pere, kiwi, prugne e scopriamo come coltivano il luppolo, su steccati, tirati su a “V”, in riga per chilometri. Tutto ovviamente perfettamente allineato e ordinato.

 

Arriviamo a Motueka verso le 17:00. Il Top 10 HP è bellissimo come al solito, immerso in un parco di piante secolari. Ogni albero ha il cartello con il nome della pianta. Ci sono gli aironi dalla testa bianca. Ci sistemiamo con la nostra panchina, che ci servirà per la colazione domani mattina.

 

Stasera mangeremo pizza, perche c’è una ragazza che gira con un forno a legna dietro alla sua macchina e vende pizze.

Assurdo, ma lei si è inventata un mestiere. Gli ordiniamo due pizza all’italiana che decidiamo noi cosa deve metterci dentro. E’ tanto bella a vedersi che altri la ordinano. E’ anche molto buona.

PUNAKAIKI – MOTUEKA 19 Febbraioultima modifica: 2010-02-22T10:25:00+01:00da gianclaudiodg
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento